Rosso China - Blog

Un cliente (non) affezionato

Un cliente (non) affezionato Un cliente (non) affezionato

Rallenta!

Lo so, vai di fretta. Il web è il solito tran-tran: dai un'occhiata di qua, fai doppio click di là, ti lasci distrarre dalla pubblicità di una lavatrice super-iper-silenziosa, rimbalzi su Instagram – ma guarda che carino questo cagnolino! – e atterri su Amazon. Decidi di comprare un libro di ricette di pesce da regalare a Zia Liliana per Natale. «Arriverà in tempo?» ti domandi. Tuttavia, è troppo tardi e il reso gratuito ti ha già preso per la gola. Infine, continui a correre la tua personale maratona digitale fino a quando un'idea ti lascia di stucco e ti fermi al margine della strada 2.0 per riprendere fiato, affaticato e un po' sudaticcio.

«E se scrivessi un libro?»

Ora, non tutti i (più o meno) grandi scrittori a noi contemporanei ricevono la "chiamata della Letteratura" dopo aver ordinato un manuale di cucina mediterranea. E sai perché? Perché non esiste nessuna "chiamata della Letteratura", nessuna vocazione con la V maiuscola. La scrittura non è una dote innata, bensì una combo di idee creative, prove di stile, esperienze di vita, capacità di estrazione e, per concludere, una lettura a tratti ossessiva di qualsiasi testo capiti tra le mani dell'aspirante novellista – dalle e-mail di Spam alla compilation estiva di Dostoevskij da divorare tra un piatto di spaghetti alle vongole e un Margarita.

Fermo restando che nessuno nasce con la penna in mano – no, neppure quel rompiscatole melanconico di Leopardi – restano ancora da chiarire due aspetti: è possibile scrivere e pubblicare un libro da autodidatta a budget (quasi) zero?

La risposta è – rullo di tamburi – sì!

E allora (secondo quesito) a che diamine serve un'agenzia editoriale come Rosso China?

Potrei risponderti che la nostra è una palestra in cui trovare tutti gli attrezzi di cui hai bisogno per affinare lo stile e per stringere tra le mani un risultato professionale, imbellettato e caruccio caruccio, come direbbe Zia Liliana. Noi ci mettiamo il fischietto al collo e ti seguiamo step by step mentre ti spremi le meningi sul tuo prossimo capolavoro. È una faticaccia, eh! Tuttavia, questa calda estate mi ha fatto riflettere su un aspetto interessante che non avevo mai preso in considerazione. Ho scelto quindi di raccontarti una storia – dopotutto, è la cosa che mi riesce meglio – per svelarti alcuni retroscena editoriali che (forse) ti aiuteranno ad affrontare le tue personali sessioni di training con lo spirito giusto, da solo o in nostra compagnia!


Sì, ma 'sto cliente (non) affezionato?

Driiin!

Il telefono di un'agenzia editoriale è un Vaso di Pandora. Impossibile stabilire quale idea guizzerà fuori dalla cornetta. Un imprenditore alla ricerca di uno scrittore-fantasma? Oppure un autore che desidera editare il proprio masterpiece prima della pubblicazione? E che dire di un blog di viaggio da tradurre in 45 lingue? Ah, ma non aspettavamo anche la chiamata dell'elettricista? Toh, nel frattempo è arrivata la pizza!

Ecco, quel giorno – come in tanti altri giorni – una voce maschile al di là della cornetta pronuncia le parole più gettonate tra i nostri clienti: «è possibile ricevere informazioni?». E la conversazione è andata più o meno così: «certo… ah… okay, va bene… sì, puoi richiedere la prova gratuita… mi lasci il tuo nome?» e poi i soliti convenevoli in stile «buona giornata, a presto!».

A chiamata terminata ci dimentichiamo dell'aspirante scrittore, non prima di averlo riempito di consigli e delle cosiddette informazioni. Con lo scorrere delle settimane e dei mesi, ci rendiamo conto che il nostro (non) cliente stringe con noi un rapporto molto particolare: ci contatta per richiedere preventivi, usufruisce della prova gratuita e magicamente… pouf! sparisce nel nulla.

Può capitare alle volte eh… non c'è niente di male! Ma è proprio qui che arriva il plot twist della storia!


Il colpo di scena – BANG!

Dicevo, il colpo di scena (che poi annunciarlo un paragrafo prima non lo rende più un evento inatteso, ma va bene). Qualche settimana fa controlliamo la posta – quella fuori in strada, non quella sul pc – gettiamo la bolletta della luce su un plico di documenti tutti di sbieco e ci ritroviamo tra le mani un pacchetto incartato con cura. Lo apriamo e… ta-dan! Scopriamo che il nostro (non) cliente ha portato a termine il proprio progetto editoriale con successo, inviandoci una copia con dedica per il (mezzo) aiuto che gli abbiamo fornito! È vero, ha deciso di "arrangiarsi" da autodidatta senza mai acquistare uno dei nostri servizi, ma non ci ha pensato due volte a ringraziarci per i consigli, il supporto emotivo e i suggerimenti in itinere che gli abbiamo dispensato al telefono o per e-mail.

Il suo primo libro ha così visto la luce: un mix di fotografie e storie che lui stesso ha raccolto e scattato nel corso del Cammino di Santiago. La dedica scritta a mano ci ha fatto molto piacere e ci ha fatto capire che stiamo facendo bene il nostro lavoro. Il cliente (non) pagante ci ha ripagato di una consapevolezza aggiuntiva: quella che per noi è un'attività fatta di tecnicismi, software e pianificazioni volte a soddisfare i nostri interlocutori commerciali, per gli autori è un lavoro… di cuore! Potrebbe regalare poche vendite forse, ma sicuramente riempie di moltissime soddisfazioni.

Insomma, il compito di un'agenzia editoriale è pur sempre quello di allenare – fischietto e asciugamanino alla mano – le penne del futuro. È un lavoro che richiede umiltà, immedesimazione e voglia di mettersi in gioco. Il risultato? Tu avrai la possibilità di spacchettare un libro caruccio caruccio da regalare a Zia Liliana e noi ti aiuteremo a realizzare i sogni letterari che ti frullano per la testa. È questo il motivo per cui siamo felici che il nostro (non) cliente abbia raggiunto, da autodidatta, il suo obiettivo… con noi, ma anche senza di noi!

Lo so, you want to be international. Il pubblico estero ti prende per la gola come un ghiacciolo al ...
Ho sempre sostenuto che per lavorare al meglio occorrano due fattori di base: la motivazione e gli s...
Udite, udite! Prima di proseguire nella lettura di questo articolo, ti consiglio di procurarti una l...
Editorial design – L’architettura di un libro che ...
Book cover design: le copertine che hanno fatto la...
Logo Rossochina
  • Ufficio Commerciale:
    P.zza del Popolo, 18 Roma
    (riceviamo su appuntamento)
  • Ufficio legale:
    Via delle Cerase, 43
    01010 Oriolo Romano VT
  • commerciale@rossochina.it
  • 06 92929636
  • 351 9907130

Cerca nel Sito

Seguici